Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga

Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga

Kuudere: significato ed esempi

Kuudere è il secondo stereotipo caratteriale dell’animazione giapponese per diffusione e popolarità. L’aggettivo è composto dagli aggettivi Kuuru (trascrizione giapponese di “cool”, freddo) + Deredere (amorevole, tenero).

Come lo Tsundere, il Kuudere esordisce come “antipatico” ma la grande differenza tra i due è che lo Tsundere aggredisce e offende mentre il Kuudere guarda dall’alto in basso e ignora deliberatamente.

La caratteristica principale del Kuudere è di mostrare altezzosità e distacco emozionale verso i personaggi e le situazioni che si trova ad affrontare. I Kuudere di solito parlano poco, con tono di voce privo di emotività. Sono enigmatici, sembrano non farsi mai coinvolgere dagli eventi ma sono personaggi sostanzialmente o completamente positivi. Innamorati o meno, raramente perdono la loro freddezza o si abbandonano ad atteggiamenti teneri ma è piuttosto con le azioni che dimostrano il loro buon cuore.

 

Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga
Goemon Ishikawa (Lupin III): L’impassibile prototipo dei Kuudere

 

Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga
Farangis (La leggenda di Arslan): Tipicamente le Kuudere sono donne adulte o comunque ragazze più grandi del protagonista

 

Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga
Gatsu (Berserk): Un raro esempio di protagonista Kuudere

 

Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga
Levi Ackerman (Attack on Titan): Altezzoso e spietato ma, indiscutibilmente, un eroe positivo

 

Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga
Kiyoko Shimizu (Haikyuu!!): Nonostante l’aspetto sprezzante e severo, è genuinamente affezionata ai membri della sua squadra

 

RELATED POSTS

About Yukine

Super appassionato di Anime e di subcultura nipponica. Gambarimasu! Farò del mio meglio per condividere con voi le mie riflessioni e i miei approfondimenti in materia.

View all posts by Yukine →

3 Comments on “Tsundere, Kuudere, Yandere e gli altri stereotipi caratteriali di anime e manga”

    1. Ciao Giulia! sei mai finita nel bad ending n°1 di Yoosung? La reputazione di yandere viene da lì. Oltre che da una celebre telefonata in cui si dimostra particolarmente geloso e chiede a MC di “parlare solo con lui, guardare solo lui e pensare solo a lui”. Sicuramente se ne può discutere ma io credo che gli autori si siano divertiti a dare a Yoosung questa sfumatura di personaggio dolce ma “inquietante”. Ti basti pensare all’ossessione che dimostra nei confronti di Rika e nel voler vedere a tutti i costi la somiglianza tra lei e MC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.